Salvini contro i canapa shop: ma anche basta!

da | Mag 12, 2019 | Marijuana legale in Italia |

“Chiuderemo tutti i negozi che vendono cannabis legale”. Salvini e la sua ultima trovata sui canapa shop

Le ultime dichiarazioni di Matteo Salvini sui canapa shop in piena campagna elettorale

Salvini contro i canapa shopA margine di un incontro con i rappresentanti delle comunità di recupero tossicodipendenti, il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha preso di mira l’Hemp Fest di Milano ed i canapa shop. “Vieteremo ogni tipo di festa legata alla canapa e chiuderemo tutti i negozi che vendono cannabis legale” ha dichiarato. A queste dichiarazioni ha anche aggiunto un caloroso ringraziamento alle forze dell’ordine e della magistratura per le procedure, tutt’ora in corso, di chiusura di 3 cannabis shop nelle Marche.

A nostro avviso si tratta solo di dichiarazione prive di logica e di ogni senso perché la legge 242/2016 ha aperto la strada del business della canapa regolamentando, in maniera anche abbastanza ipocrita, la vendita di canapa legale, infiorescenze comprese, seppur come articolo da collezione.

Salvini: canapa shop chiusiSemmai la logica che sta dietro a queste dichiarazioni è una logica tutta elettorale dal momento che sono in forte contrasto con quanto dichiarato dal ministro penta-stellato Giulia Grillo: “Non bisogna dare informazioni sbagliate perché nei canapa shop non si vende droga. Se per caso Salvini come ministro dell’Interno è in possesso di informazioni che io non ho, e questo è pure possibile, chiaramente allora bisogna fare altro ordine di considerazioni“.

Anche Luigi di Maio è intervenuto in materia: “Dire di essere contro la droga è come dire di essere per la pace nel mondo, siamo tutti d’accordo: più controlli fa meglio è, nessuna volontà di non sostenere il ministro dell’Interno nella lotta alla droga. Controlli, per carità, e immagino anche lotta alla mafia“.

Ricordiamo ai nostri lettori che il 26 maggio prossimo si terranno le elezioni amministrative ed europee: il senso di dichiarazioni simili da parte di Salvini sui canapa shop va quindi inteso come una ricerca di consenso verso chi di questa materia conosce poco o niente, chi ancora fa confusione fra cannabis legale, praticamente senza thc ma con cbd o cannabidiolo, e quella illegale che al contrario ha una concentrazione di thc, la sostanza psicotropa, elevata. Per ulteriori informazioni a riguardo potete consultare i nostri articoli “THC e CBD” in cui parliamo delle differenze fra le due sostanze oppure il nostro articolo sul CBD legale.

La situazione sulla legalizzazione della marijuana in Parlamento

Attualmente in parlamento sono state presentate ben 9 proposte sulla cannabis.

La proposte del M5S

Matteo Mantero del M5S è primo firmatario di una proposta di legge con disposizioni in materia di legalizzazione della coltivazione, della lavorazione e della vendita della cannabis e dei suoi derivati. Lello Ciampolillo invece ne ha avanzata una che mira a legalizzare la coltivazione domestica della canapa ad uso personale e la detenzione di prodotti ad essa contenuta.

Le proposte di legge del Partito Democratico

lavoro nei cannabis shopPersino il PD ha presentato tre proposte di legge a favore della legalizzazione di cui una punta alla depenalizzazione la cessione gratuita a una persona maggiorenne e le cessioni di piccole quantità di cannabis finalizzate al consumo personale tra soggetti minori. La proposta di Nadia Ginetti contiene invece «disposizioni in materia di impiego farmaceutico e medico della cannabis e legalizzazione della coltivazione, detenzione e consumo personale della stessa e dei suoi derivati». La proposta è di legalizzare il consumo personale e in privato di cannabis e derivati per gli adulti; consentire anche la coltivazione individuale di cannabis, a determinate condizioni. La proposta di Tommaso Cerno invece è ancora più permissiva in quanto vorrebbe abolire ogni tipo di sanzione penale e amministrativa per l’uso e per il possesso personale delle piante e sostanze oggi illecite. Una volta legalizzata la produzione della pianta della cannabis, «essa deve essere consentita anche per fini non di lucro, per un consumo personale o collettivo, da praticare in luoghi deputati o in private abitazioni».

La nostra sui canapa shop

Le dichiarazioni di Salvini sulla marijuana legale e sui prodotti contenenti cannabidiolo, come i cristalli di cbd, sembrano sempre più anacronistiche dal momento che sempre più sono le proposte per la legalizzazione della cannabis e non stiamo parlando solo di quella legale, ma anche quella di contenente thc.. Da sottolineare inoltre, come la filiera della cannabis legale sia in costante crescita: un fattore economico che a nostro avviso non è mai bene trascurare soprattutto in momenti di incertezza economica come i giorni che stiamo vivendo.